alfredo santella




pitture 
 
pitture
Non si sa dove posare l’occhio qui dentro, tant’è pieno di cose, quadri da finire vecchi e nuovi, colori e pennelli sparsi nel disordine di anni e soprattutto immondizia e polvere a volontà.
Come un viaggiatore allenato a parlare più lingue, nel mio lavoro c’è posto per tutte le sollecitazioni e per nessuna. Sono abituato a lavorare pensando al linguaggio, al suo raffinarsi nel tempo, non allo stile, quello ne è figlio. Mi avvicino a Schianto, un opera che sto terminando, Edith, una mia amica, la chiama così. È la vera carcassa di un cane, molto simile al mio Kim, morto tanti anni fa cadendo in un pozzo, che ho recuperato su indizio del mio amico architetto Gino Zoli.
Cosa significa tutto questo? Cos’e’ questa brama di esporre la morte? Non lo so che cos’è, ma mi sto dedicando a questo tema da trent’anni, nei pensieri soprattutto: un controllo...
more
pagina: << 1  2  3  4  5  6  7  8  10  11  12  >>
Ingrandisci immagine
Il giorno del sole nero
1984/85 Collezione Carugno, Sulmona (AQ)
Dimensione: cm. 80x100
 

Ingrandisci immagine
Canzone per Nerea
1984 Collezione Baccante, Roma
Dimensione: cm. 20x25
 

Ingrandisci immagine
Althamar
1984
Dimensione: cm. 60x70
 

Ingrandisci immagine
Cieli umidi e senza colori
1984
Dimensione: cm. 70x100
 

Ingrandisci immagine
Genesi
1984
Dimensione: cm. 70x150
 

Ingrandisci immagine
Un saluto da lontano
1984
Dimensione: cm. 60x80
 

Ingrandisci immagine
L'astro ferito
1982
Dimensione: cm 70 x 120
 

Ingrandisci immagine
Le soglie di Dedalo
1981/84
Dimensione: cm. 80x120
 

Ingrandisci immagine
Fuoriporta sotto mentite spoglie
1981
Dimensione: cm. 60x80
 

vai a pagina: << 1  2  3  4  5  6  7  8  10  11  12  >>